Milano, tassista litiga con i turisti per il Pos, gli distrugge i souvenir e poi fugge con gli sportelli aperti – IL VIDEO

Ancora una disavventura per i clienti dei tassisti che provano a imporre il pagamento in contanti rifiutando il Pos (obbligatorio). A farne le spese stavolta due turisti nei pressi della Stazione Centrale

Leggi Tutto

di mondopalermo.it - 2 anni fa

Ancora una disavventura per i clienti dei tassisti che provano a imporre il pagamento in contanti rifiutando il Pos (obbligatorio). A farne le spese stavolta due turisti nei pressi della Stazione Centrale di Milano che al momento di saldare la tariffa si sono visti rifiutare il pagamento con carta. Il tassista prima insulta i due turisti e poi, dopo le insistenze di questi ultimi, si decide a tirare fuori il terminale Pos. Alla fine con modi bruschi tira fuori valigie e sacchetti dei turisti facendoli cadere a terra e distruggendoli (erano, a quanto ha raccontato il turista ai testimoni, oggetti in vetro di Murano). A quel punto anche i turisti iniziano a filmare e pretendono di essere risarciti dei danni ma il tassista scappa a tutta velocità con portellone e sportello aperto, superando anche un incrocio senza rallentare.. Guarda!

Condividi su

Disclaimer - Il post dal titolo: «Milano, tassista litiga con i turisti per il Pos, gli distrugge i souvenir e poi fugge con gli sportelli aperti – IL VIDEO è apparso 2 anni fa sul quotidiano online mondopalermo.it».


Ultima Ora

19 minuti fa

Il serpentone di ragazzi è partito dal teatro Massimo per raggiungere Palazzo Comitini (nella foto) PALERMO – Un colorato e pacifico corteo di studenti degli istituti palermitani per manifestare solidarietà dopo gli scontri di Pisa e Firenze dei giorni scorsi. Sono qualche migliaio i giovani studenti che hanno percorso la via Maqueda, nel cuore…

19 minuti fa

Pizzo, minacce, appalti. Azzerato il mandamento mafioso di Trabia, in provincia di Palermo, con 19 arresti in tutta la provincia palermitana. I reati contestati Le indagini hanno fatto emergere un grave quadro indiziario in ordine ai reati di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento seguito da incendio, lesioni personali, minacce, incendio, detenzione e porto illegale di armi…

19 minuti fa

“Il sindaco Roberto Lagalla nella settimana dell’8 marzo e mentre il Pd celebra la Conferenza nazionale delle democratiche aperta anche alle non iscritte al Partito, con l’ennesima sostituzione in Giunta di una donna con un uomo, tradisce il principio costituzionale e civile di pari opportunità fra i generi riducendo a soli due componenti su 12…